Bersani_l'Italia giusta

Può quest’uomo togliere l’Italia dal pantano? Se le persone dovessero basare il giudizio sullo slogan elettorale dell’immagine sopra, nella maggior parte dei casi la risposta sarebbe “sì”. Ma cos’ha in testa Pier Luigi Bersani dopo il fallimento delle trattative per la formazione del governo? L’elezione del Presidente della Repubblica.
Bah… direbbe in questo caso la maggioranza degli italiani, prima ancora di sapere il nome che il segretario del PD avrebbe in mente. Già, perché il personaggio “nuovo” per rappresentare il Paese sarebbe nientemeno che il sig. Romano Prodi. E qui mi piacerebbe fotografare le facce della gente, una ad una (il registratore sarebbe opportuno tenerlo spento).

Non che in questo momento l’attuale Presidente della Repubblica abbia in mente delle soluzioni particolarmente brillanti per sbloccare lo stallo politico: Giorgio Napolitano ha chiesto l’aiuto di 10 saggi «incaricati di occuparsi delle tematiche economico sociali» e «delle tematiche istituzionali» e, tanto che ci sono, per «rimettete insieme i cocci». Ma servono davvero 10 persone (sicuramente bravissime persone), in una nazione che conta 60 milioni di anime, per soffiare via la nebbia istituzionale? Se il parlamento appena insediato fatica a trovare un accordo decente per designare un pugno di ministri ed un Presidente del Consiglio, non ha allora più senso formare un governo politico di unità nazionale, come si è usato fare in altri Stati in situazioni come quella che stiamo vivendo ora sulla nostra pelle?

Tra l’altro, in questo momento mi pare che Silvio B. non riesca a credere ai suoi occhi: pochi mesi fa sembrava definitivamente messo fuori gioco, ora invece sembra che tutti facciano a gara a chi gli presta la scala per rientrare nella stanza dei bottoni dalla finestra. Non meravigliamoci, poi, se i tanto agognati investitori stranieri continuino a tenersi alla larga dallo Stivale…

Le priorità
Tagged on:             

One thought on “Le priorità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *